In risposta alle ormai famose fatine Winx, il loro stesso padre Iginio Straffi, ha creato per i maschetti una nuova serie animata Huntik- Secrets & Seekers (segreti e cercatori). Ritengo tuttavia che essa sia adatta anche alle bambine meno “fatinose” e più avventurose, non mancando nella serie protagoniste donne.

Prodotta da Raifiction e Rainbow (il cui sposalizio ha già dato buoni frutti con altre serie animate), andata in onda di recente sulle reti Rai e su Rai Gulp, la serie ha già ricevuto prestigiosi premi come miglior cartone animato per l’intrattenimento e le opportunità di business al MIPCOM Junior di Cannes, e si appresta a essere esportata e trasmessa in tutto il mondo già in questo 2009  in paesi come gli Stati Uniti, Singapore, Regno Unito, Olanda, Sud Africa, Grecia, Israele, Finlandia, Austria, Germania, Messico, Portogallo, Australia e Filippine.

Ma chi è la squadra Huntik? Ambientata in alcune delle più belle e affascinanti città d’Europa e del mondo ricche di storia e di leggende come Parigi, Vienna, Venezia, Praga, New York e tante altre, la storia segue le vicende dei Seeker, gruppo di esploratori in cerca degli Amuleti, oggetti magici in grado di invocare delle potenti creature leggendarie denominate Titani, e impegnati nella lotta contro le forze del Male.
Da una parte infatti c’è la Fondazione Huntik dei Seeker, con sede a Venezia e formata da nobili esploratori in possesso dei Titani e di cui fanno parte i protagonisti del cartone animato: Dante Vale , Lok Lambert, Sophie Casterwill, la spia Zhalia Moon e il “libero spirito” Cherit.
Dall’altra i cattivi dell’Organizzazione, una misteriosa società segreta guidata dal malvagio Professore che insieme al suo braccio destro Defoe e al fido collaboratore Grier vuole conquistare il mondo impossessandosi del potere dei Titani.

Dalla battaglia tra i Seeker e gli uomini dell’Organizzazione riemergeranno tanti antichissimi miti come l’anello di Giovanna D’Arco, la tomba di Nefertitit, il tesoro di re Salomone e la spada con cui San Giorgio uccise il drago.

Gli ingredienti per essere un cartone di successo ci sono tutti, visto che la serie è piena di archetipi: la lotta tra il bene  e il male, il giovane che affronta le prove per diventare uomo, la redenzione del cattivo, l’intelligenza che prevale sulla forza, il maestro che guida il giovane, con in più la tendenza intrapresa negli ultimi anni di non lottare in prima persona, ma attraverso personaggi che sostengono i protagonisti (come nei Pokemon o Yu-Gi-Oh o Mix Master), dove pertanto la “violenza” viene spostata su personaggi stessi che non subiscono reali danni fisici e dove è più l’abilità del proprietario che la forza fisica a far vincere un duello.

La serie l’ho seguita personalmente insieme a mio figlio, e ne sono rimasta piacevolmente colpita e coinvolta. I paesaggi storici che fanno da sfondo alle avventure e i miti che vi vengono citati lo rendono secondo me un prodotto di qualità. Tant’è che acquistiamo regolarmente anche la rivista/fumetto.
La prima serie è già disponibile in Dvd e al cartone si è aggiunto il gioco di carte collezionabili, cosicchè i piccoli spettatori possano rivivere le emozioni di un duello tra Titani, magari sconfiggendo mamma o papà!

[immagini]
tcgplayer.com
movieplayer.it