Il timore che il bambino possa nascere ammalato perseguita per tutti i nove mesi tutte le coppie di genitori:  ma basta seguire qualche piccola precauzione per proteggere il nascituro dalla maggior parte delle malformazioni e delle malattie congenite provocate dall’esposizione a sostanze nocive in gravidanza.

Alune malattie congenite sono provocate da un’alterazione delle molecole di DNA che trasmettono l’eredità genetica al bambino. Questo rischio può essere previsto da un’accurata visita prematrimoniale che dimostri la presenza di altri casi di malattie ereditarie.

Quasi tutti i farmaci assunti in gravidanza possono attraversare la placenta ed essere assorbiti dal bambino. Di solito non provocano effetti indesiderati, ma ci sono farmaci che possono determinare la comparsa di malformazioni.

Anche le vaccinazioni innocue per la madre perchè introducono agenti infettivi o tossine attenuate, possono essere nocive per il bambino.

I raggi X sono molto pericolosi perchè possono danneggiare il bambino, se vengono fatti nei primi mesi di gravidanza e vanno sostituiti con l’ecografia.

Anche se i metodi di monitoraggio permettono di eseguire interventi chirurgici in gravidanza senza danneggiare il bambino, è sempre consigliabile rimandare l’operazione non urgenti a dopo il parto.

E voi avete rispettato questi acorgimenti? Ne avete altri da suggerirci o ci volete raccontare la vostra esperienza? Vi aspetto nel Forum di BlogMamma.

Immagine : lavitaprenatale.com