La dermatite atopica sembra sempre più frequente nei bambini, è uno sfogo della pelle che diventa secca ed arrossata, con un intenso prurito e la formazione di piccole croste. Pare che la causa sia un’ipersensibilità della cute stessa e che sia spesso presente anche in altre persone del nucleo familiare e che sia collegata ad asma ed allergie alimentari. Di solito comincia intorno ai 2-6 mesi con chiazze su varie parti dal corpo: le guance, l’incavo del gomito, il retro delle ginocchia, i polsi, ecc. e tende a migliorare con il passare dei primi anni di vita. Ma si possono evitare i farmaci a favore di terapie più naturali?

La risposta è si!

Alcune terapie naturali, semplici, poco costose e del tutto innocue, spesso riescono a migliorare di molto o a risolvere questo disturbo molto fastidioso, ecco un decalogo per i vostri bambini:

  1. fai molta attenzione alle fibre tessili con cui viene in contatto il tuo bambino, scegli abbigliamento di sole fibre naturali non trattate chimicamente, l’ideale solo cotone e lino eco-bio
  2. le zone dove ci sono le chiazze devono essere mantenute in una igiene scrupolosa ma non devono essere “aggredite” da detergenti poco delicati, prova il sapone di Aleppo, un sapone delicatissimo a base di olio di oliva e olio di alloro che va bene anche per lavare gli indumenti per non rischiare di contaminare le fibre naturali con residui di detersivi chimici. Se non c’è la necessità di un lavaggio con il capone fai il bagnetto con solo amido di riso sciolto nell’acqua, però attenzione al sudore che può peggiorare la dermatite.
  3. attenzione al sole, può essere un alleato se l’esposizione è moderata e graduale (anche l’acqua di mare può aiutare), in caso contrario può peggiorare il disturbo.
  4. sulle chiazze, al posto delle pomate, si può provare a spalmare degli oli vegetali come l’olio di borragine, l’olio di mandorle dolci, l’olio extravergine d’oliva o l’olio di jojoba, o anche una miscela degli stessi oli vegetali con una punta di gel di aloe vera.

Blogmmamma.it è un sito a carattere divulgativo. I punti di vista e le informazioni date non non intendono in nessun caso sostituirsi al parere del medico, che invitiamo sempre a consultare in caso di dubbio.