Foto di Noferin. via Flickr

Con il caldo cominciano le preoccupazioni per il cibo, i piccoli tendono a mangiare meno ed a rifiutare anche alimenti che normalmente mangiano senza problemi e le mamme vanno in crisi. Non sempre si può accordare un intero pasto a base di gelato anche se il gelato è un pasto completo! e quindi cosa fare quando i bambini non vogliono mangiare per il gran caldo e la maggiore attenzione ai giochi?

Sono proprio il caldo ed il movimento dei giochi estivi all’aperto a modificare le esigenze dell’organismo in fatto di alimentazione, questo succede agli adulti ma ancora di più ai bambini, anche perché sono meno “condizionati” di noi alla consuetudine dei quattro pasti giornalieri e si affidano di più alle loro sensazioni reali che alla routine dei pasti ad ore fisse.

Gli esperti sono concordi con l’affermare che è bene assecondare i desideri dei nostri figli, senza insistere o, peggio, obbligarli a mangiare anche quando non ne hanno voglia. Meglio provare ad offrire delle alternative leggere ed appetitose senza insistere troppo.

L’alimento migliore è la frutta di qualsiasi tipo, meglio se di stagione, subito seguita dalla verdura sia cruda che cotta.

Alla frutta può essere abbinato il gelato fatto in casa oppure fatto artigianalmente oppure un freschissimo yogurt, sia il gelato che lo yogurt nutrono e danno tanta energia per continuare a giocare fino all’ora di andare a dormire.

Un modo alternativo per servire la frutta, magari in un bicchiere nuovo e con una bella cannuccia colorata, è il frullato che va benissimo anche al posto della merenda, d’estate è meglio mettere da parte le solite merendine ipercaloriche.

Alle verdure, invece, si possono pasta o riso che apportano i carboidrati oppure del buon pesce fresco per le proteine. Una delle ricette più gettonate in estate è proprio l’insalata di riso oppure la variante con l’orzo perlato o, ancora, un’insalata mista ricca ricca come l’insalata greca.