“Mamma, ma quando ci sono i tuoni è vero che sono i giganti che parlano? E che quando ci sono i lampi sono gli angeli che fanno le fotografie? E dove va il sole quando è notte?  E perché quando mi tolgo la maglia di lana mi prendo la scossa?“. Pochi di noi non hanno fatto o ricevuto queste domande. Gli eventi atmosferici e fisici affascinano da sempre l’uomo e ancor di più i bambini che cercano di capire il mondo ai loro occhi così strano.
Il pregiudizio che i bambini siano in fondo un po’ stupidi, o meglio che pensino come noi ma un po’ meno, ha portato per anni all’invenzione delle più svariate favole per spiegare eventi naturali. Ma i bambini, rispetto agli adulti, sono più disponibili a sperimentare (esperienze corporee, manipolative, percettive).

Nonostante sia un forte sostenitrice di Babbo Natale, credo che la scienza dia spiegazioni più affascinanti delle leggende. Nella nostre epoca dove i bambini sono circondati da ogni sorta di apparecchio tecnologico, ha ancora senso far loro credere che una lampadina si accende per magia o che il sole vada a dormire di notte? Certo non sto parlando di bambini piccolissimi, ma a partire dai quattro anni noi abbiamo deciso di spiegare a nostro figlio come stanno le cose. Innanzi tutto ha arricchito noi stessi, in più nostro figlio sa di potersi fidare di noi, perché non gli “diciamo bugie”.

Sempre più siti, trasmissioni televisive e musei dedicano spazi ai bambini per spiegargli i primi fondamenti della scienza in modo semplice, comprensibile e divertente. Nel 2006 Rai Tre aveva nel suo palinsesto Hitscienze, dove la presentatrice apriva le poste della scienza ai bambini. Potete ancora godere di quella trasmissione andando sul sito di Hitscienze. Al museo A come Ambiente di Torino, oltre a giocare con i rifiuti per comprendere il riciclo, potete divertirvi con il laboratorio dell’acqua, fantastico per i più piccoli che potranno ammirare bolle quadrate!

Molti siti propongono esperimenti scientifici da fare a casa con materiale di facile reperibilità. Provarli con i nostri figli è un modo diverso di trascorrere un pomeriggio! Capire come funziona la realtà  si trasformerà in gioco per vivere direttamente l’utilità delle teorie scientifiche nella vita quotidiana, dalla bollitura dell’acqua per la pasta a perché si galleggia nell’acqua del mare.