Ho cresciuto due bambini e per entrambi ho usato i classici pannolini usa e getta! Ho usato tante marche fino a che non ho trovato quella che non creasse problemi al culetto dei miei piccoli e che costasse relativamente poco rispetto alle altre! Insomma, negli anni chili e chili di secco non riciclabile messo fuori dalla porta di casa! 🙁

Poi, comincio a navigare in rete, a frequentare forum e siti di mamme e mi imbatto in molti argomenti tra i quali i Pannolini lavabili! Leggo di mamme che si confrontano tra loro, che si scambiano consigli sull’acquisto, la pulizia e l’utilizzo dei pannolini lavabili ed io mi chiedo: “… ma sono diventate ‘matte’?… Pare di essere tornate indietro negli anni e ai racconti di mia mamma!”

Poi, ti incuriosisci, indaghi, ti informi e capisci che, forse, non è proprio un tornare indietro… ma, anzi, è un guardare avanti, al futuro, al bene del nostro pianeta ma soprattutto al bene dei nostri bambini e perché no anche a quello del portafoglio 😉 Si tratta di pannolini che un po’ ricordano i vecchi ciripà con cui molte di noi mamme sono state cresciute! Sono lavabili, ne esistono diverse tipologie ed il web ne è ben fornito! In sostanza, non sono altro che mutandine di tessuto impermeabile con, all’interno, un assorbente protetto da un sottile strato asportabile. Ad ogni cambio, il velo si butta via e tutto il resto finisce in lavatrice!

Coop che è sempre attenta a questo tipo di problematiche ha messo in commercio i pannolini lavabili della linea Vivi Verde in cotone biologico, disponibili in 2 taglie.  Ogni kit si compone di 6 pannolini, 2 mutandine, 1 rotolo da 100 veli. Ma come è composto il pannolino?

Il pannolino è composto da tre elementi:

  1. la mutandina impermeabile dalla forma anatomica, con chiusure in velcro che permettono di adattarla facilmente al corpo del bambino. E’ realizzata per il 95% da cotone che permette naturalmente di avere un’alta percentuale di traspirazione proprio per evitare arrossamenti ed irritazioni;
  2. il pannolino assorbente completamente realizzato in cotone biologico che si mette al centro della mutandina e che è facilmente lavabile in lavatrice ad un max di 60°;
  3. il velo, biodegradabile al 100% serve a raccogliere la cacca del piccolo, facilitarne la rimozione ed evita che il pannolino si sporchi eccessivamente! Va sostituito ad ogni cambio e, grazie alla sua alta biodegradabilità, è possibile anche buttarlo direttamente nel wc o meglio nei rifiuti indifferenziati.

Insomma, come potete vedere semplici da utilizzare (basterà fare un po’ di pratica), ma, soprattutto, rispettosi dell’ambiente e del portafoglio! Cosa ne pensate? Utilizzate pannolini lavabili per i vostri bambini? State pensando di farlo? Io ormai ho già dato…  ma se dovessi pensare di mettere “in cantiere” un altro bambino…  non esiterei a provarli 😉

Immagini:
e-coop.it