Ho parlato tantissimo di allattamento al seno e ne parlerò di sicuro ancora, però ci sono cose che stridono con la propaganda che sembra (sembra solo, purtroppo) correre trasversalmente attraverso tutti gli stati “ricchi” del mondo in relazione all’utilità del latte di mamma, una di queste è l’impossibilità di reperire una bambola dedicata alle nostre bambine che non sia dotata di biberon, come se allattare con il biberon ed il latte artificiale fosse la normalità.

Diciamolo chiaro, allattare con il biberon NON è “normale” ma dovrebbe essere un’eccezione in quei casi in cui non sia possibile o consigliato allattare al seno, casi che dovrebbero anche essere piuttosto rari, oppure per una precisa scelta della mamma che dovrebbe però essere anche consapevole, informata ed aiutata per avviare al meglio l’allattamento o scegliere un’alternativa.

Il biberon è diventato “normale” intorno agli anni ‘70, se fate una piccola indagine tra le vostre parenti e conoscenti che hanno partorito a cavallo tra gli anni 70 ed 80 vi renderete conto che la risposta più frequente è “non avevo latte, ho dovuto usare l’artificiale”, se fate un’indagine tra le donne che hanno partorito a cavallo della guerra (o prima ancora) la risposta più frequente sarà “ho allattato tutti i miei figli per 1-2-3 anni”, ne consegue che, apparentemente, in 30-40 anni le donne sono diventate tutte incapaci di allattare, mentre prima ci riuscivano quasi tutte…

A partire dagli anni ‘90, grazie alla propaganda dell’OMS è tornato in auge l’allattamento al seno ed i benefici che allattare comporta per mamma e bambino, però se ci si guarda in giro pare che questa “pubblicità” sia solo a parole, i fatti la smentiscono completamente a partire dall’educazione che TV, film e giocattoli in commercio inculcano alle bambine di oggi, i biberon dilagano e praticamente mai si vedono donne che allattano.

Tanto di cappello alla Spagna che sta per mettere in commercio il primo bambolotto da allattare al seno, che si chiamerà Bebé Glotón, con le sembianze e le dimensioni di un neonato vero (è lungo 50 cm.) non è dotato di un biberon ma di un finto reggiseno da allattamento per le mamme-bambine con dei capezzoli a forma di fiore, per calmarlo va avvicinato al “seno” e comincia a ciucciare, dopo la poppata la mammina deve fargli fare il ruttino e coccolarlo, tutto assolutamente normale, sembra impossibile che nessuna azienda europea di giocattoli ci abbia pensato prima…

Arriverà in Italia? Io lo spero!