ll mattino è il momento di tanti impegni: ci si deve svegliare, lavare, vestire e fare la prima colazione. Spesso quest’ultima cosa è vista come un vero braccio di ferro tra genitori e figli, perchè i bambini non vogliono mangiare e il tempo stringe. Ma, come le nonne ci ricordano, la colazione è uno dei pasti principali della giornata e come tale dobbiamo abituarci a trattarlo.

Una buona prima colazione parte dalla cena della sera precedente: se è stata abbondante è probabile che il bambino non abbia sufficiente fame per aver voglia di mangiare al mattino, ma di sicuro gli verrà per la merenda di metà mattina che sarà più abbondante del solito, che porterà inappetenza per pranzo e si creerà così un circolo vizioso dove i pasti principali verranno sostituiti dalle merende, il che a lungo andare porterà all’obesità nei bambini.

Un’altra buona regola è di alternare la colazione tutti i giorni. In televisione vediamo pubblicità che ci inducono a consumare sempre lo stesso tipo di alimento, ma, come per gli altri pasti della giornata, anche la colazione è meglio sia varia. La nostra cultura ci porta a preferire alimenti dolci al mattino, ma un’alternativa salata ogni tanto farà contento il palato dei nostri figli.
La prima colazione deve coprire il 15-20% dell’apporto calorico giornaliero e queste calorie dovrebbero provenire da tutti i nutrienti: il 12 – 15% dalle proteine, il 30% dai grassi e il 50 – 55% dai carboidrati. Vitamine, sali minerali, fibre e acqua completano il mix del buon mattino. Che poggia su alcuni alimenti fondamentali.
Il latte, meglio se intero e fresco, rappresenta il fulcro della prima colazione classica. Per renderlo più gradevole si può aggiungere dell’orzo solubile o, in alternativa, del cacao. Come buon accompagnamento del latte si può usare il pane oppure le fette biscottate con burro e marmellata o miele o anche i biscotti secchi.

Un’altra ottima soluzione possono essere i corn flakes o i fiocchi di mais o di altri cereali. Per concludere e per completare dal punto di vista nutrizionale la colazione, dovrebbe essere data la frutta, fresca di stagione oppure sotto forma di macedonia o di spremuta d’arancia o altri agrumi. Se il bambino non gradisce una bevanda calda può scegliere uno yogurt oppure latte freddo con cereali in fiocchi; anche i frullati di frutta mista e latte possono rappresentare una buona alternativa.
Se si ha tempo e voglia sono da preferire torte o biscotti fatti in casa, utilizzando semplicemente farina, latte fresco, olio extravergine di oliva, oppure yogurt, uova e lievito, tutti ingredienti semplici e naturali, senza l’aggiunta di aromi artificiali e conservanti, purtroppo presenti in molti prodotti in commercio.

Se invece volete tentare una colazione salata proponete formaggi freschi o poco stagionati, prosciutto (privato del grasso), torte salate preparate con verdure, focacce (meglio se fatte in casa), uova.
Ricordate infine che una componente importante (anche per prevenire l’obesità) è sedersi a tavola per fare colazione, meglio se tutti insieme. Preparare la tavola la sera fa risparmiare tempo al mattino, così come avere già pronti la cartella e i vestiti. Ciò vi permetterà di dedicare almeno 15 minuti alla colazione e se proprio non dovesse bastare meglio svegliarsi qualche minuto prima!

[immagine]
kelloggs.it