La lana, essendo un materiale del tutto naturale, è tra i tessuti più adatti per neonati e bambini. Per questo motivo la Woolmark Company, azienda australiana famosa per una delle migliori lane al mondo, ha partecipato per la prima volta al Pitti Bimbo svoltosi a Firenze dal 28 al 30 giugno 2012, per presentare la Merino Mini Collection e istruire gli addetti ai lavori sui benefici di questa fibra nell’abbigliamento destinato ai più piccoli.

L’iniziativa fa parte del programma Nurture by Nature di Woolmark, e ha l’obiettivo di presentare le innovazioni di prodotto e nuove proposte rivolte ai brand, designers, retailer e confezionisti del mondo del bambino, fra cui capi di abbigliamento e biancheria in jersey in 100% lana merino, da portare anche a contatto diretto con la pelle, e  in morbida maglieria.

Da sempre utilizzata dalle mamme per i loro bebè per le sue proprietà, grazie a nuovi trattamenti e lavorazioni oggi la lana è diventata una fibra estremamente versatile e confortevole, adatta anche alle pelli più sensibili e delicate.

Attraverso studi scientifici condotti da Woolmark insieme a prestigiose università, è stato dimostrato che effettivamente la lana è la scelta migliore per l’abbigliamento dei neonati e la biancheria da letto, ed ecco per quale motivo:

  • innanzitutto mantiene stabili l’idratazione e la temperatura corporea;
  • è traspirante, quindi previene il formarsi di umidità sulla pelle;
  • grazie alla sua naturale elasticità e a recenti innovazioni è ancora più morbida e confortevole;
  • è sicura, rinnovabile, eco-sostenibile e durevole;
  • mantiene i colori brillanti nel tempo ed è facile da lavare.

Per mostrare la naturalezza e la morbidezza della lana merino, la Woolmark ha coinvolto la fotografa australiana Anne Geddes, famosa in tutto il mondo per i suoi scatti d’autore che ritraggono neonati, bambini e mamme in dolce attesa, per raccontare attraverso le immagini tutte le emozioni legate al contatto con questa fibra.

Di seguito ecco la gallery con le foto di Anne Geddes e dell’evento, al quale hanno partecipato anche le nostre mamme blogger: