Diventare mamma è già una trasformazione difficile ma da single è piuttosto  complicata. Non sono rare le future mamme che si lasciano alle spalle una storia finita male o in sospeso, donne che decidono di portare a termine la gravidanza da sole consapevoli di non poter contare sul sostegno del padre del bambino.É  difficile affrontare la maternità quando manca un partner. Sottoposte alla tensione di una scelta, quando il peso delle responsabilità incombe sulle spalle di una sola persona, che dovrà decidere per sé e per un’altra vita.

É importante in questo delicato momento non chiudersi nella propria solitudine, accettando l’aiuto di amici e familiari. La maternità vissuta senza un compagno accanto può creare insicurezza e sconforto e la sensazione di non farcela a volte è così forte da togliere determinazione ed energie .

Quindi è’ importante poter contare sull’appoggio di un’amica o un amico fidato,che sostiene le nostre scelte e  supporta le difficoltà. Qualcuno con cui condividere i momenti più delicati ma anche la gioia trepidante dell’attesa, il risultato degli esami, le ecografie, i primi movimenti del bambino. Poter fare affidamento su una presenza affettivamente vicina  anche durante il parto, un’amica, la sorella oppure la madre, è fondamentale.

Tuttavia sono tante le storie di donne che, anche con grandi difficoltà e sacrificio, sono riuscite a crescere bambini sereni e felici contando  solo sulle proprie forze dando alla maternità una forza ed valore in più.

A prescindere dai motivi per cui i si rimane sole, uno dei problemi che si deve affrontare immediatamente, è l’aspetto economico. Un bambino richiede affetto, cure, attenzione e anche un risaputo impegno economico, la pressione di un lavoro per mantenersi e per provvedere al bambino, preoccupandosi delle sue necessità e del suo benessere, sapendo che non c’è nessuno a condividere l’onere, rende questa gravidanza un percorso  ancora più difficile.

Molte le associazioni ed i Servizi Sociali che si occupano della maternità e soprattutto  di maternità difficile. In queste strutture la futura mamma potrà affidarsi ad uno psicologo ed un assistente sociale per  ricevere sostegno psicologico e indicazioni riguardo i propri diritti.

Secondo gli ultimi dati Istat sono oltre l’11% in Italia, le famiglie formate solo da una donna con figli!

Immagini:
wikinoticia.com
padovanews.it