Il travaglio è una tappa importante della gravidanza, si avvicina il momento in cui la futura mamma stringerà per la prima volta il suo bambino. Un emozione unica! Ma è anche il momento più temuto da ogni donna in attesa, in quanto il travaglio può durare anche moltissime ore e molto spesso la tensione aumenta perchè in quasi tutti gli ospedali è di rigore non far mangiare nè bere la futura mamma durante il travaglio. Il timore da cui nasce questo comportamento medico é che insorgano complicazioni durante il parto e la donna debba andare incontro ad anestesia totale, per cui avere lo stomaco pieno può essere pericoloso.

Ma ecco che in soccorso delle donne in travaglio arriva uno studio del gruppo Cochrane, condotto da Mandisa Singata, dell’East London Hospital Complex in Sudafrica, che afferma che durante l’ultima fase della gravidanza si può sia mangiare che bere, sempre che non ci siano complicazioni che fanno presupporre un parto con anestesia totale.

Nel lavoro i ricercatori si sono concentrati però solo sui casi “di routine”, ovvero su parti di gestanti senza o con poche complicazioni, e quindi con bassa probabilità di dover essere sottoposte ad anestesia. Va considerato, inoltre, che moltissimi cesarei sono praticati con anestesia locale e quindi anche in questo caso il pericolo da “stomaco pieno” sarebbe remoto. Per questi casi mangiare e bere dunque risulta una pratica del tutto indifferente, senza né rischi né benefici, per l’esito del parto.

Quindi, concludono gli esperti, in questi casi sarebbe bene far decidere la donna se vuole mangiare o bere, in attesa che il neonato venga alla luce. Pertanto ulteriori ricerche sono necessarie prima di fornire raccomandazioni specifiche.

E voi care mamme, avete avuto un travaglio lungo? L’ospedale vi ha permesso di mangiare e bere? Raccontateci la vostra esperienza!

Immagini:
images.com by Design Pics
images.com by Stock Connection
images.com by José Ortega