Non sono poche le neomamme che ritornano al lavoro combattute tra la voglia di riprendere un lavoro che amano e il rimorso di lasciare il bambino, un tema sempre di grande attualità quello di poter conciliare lavoro e famiglia senza traumi e disagi!
Uno studio condotto dalla University of North Carolina di Greensboro, riportato dalla rivista Journal of Family Psychology, sottolinea un dato, forse non nuovo, che allevierebbe un distacco difficile: sembra che quelle mamme soprattutto con impiego part-time che si dividono tra gli impegni di lavoro e la cura del neonato vivono con meno stress e meno rischio di cadere nella depressione post partum rispetto alle mamme che rinunciano al lavoro per stare a casa con i bambini.

Sono state monitorate 1.364 neo mamme dal 1990 fino al 2000: le donne che hanno continuato a lavorare hanno dimostrato di avere una condizione di salute migliore rispetto alle mamme senza un lavoro e dedite solo alla crescita e alla cura del piccolo! Di sicuro un impiego soddisfacente è un incentico per il benessere psicologico che aumenta uno stato di autostima personale ed inoltre, non meno importante, l’apporto economico importante alla famiglia.

Marion Brian, co-autrice dello studio, ha puntualizzato su questo aspetto esortando aziende e datori di lavoro a concedere un contratto a tempo parziale alle mamme:

Dal momento che il lavoro a tempo parziale sembra contribuire alla forza e al benessere delle famiglie, sarebbe vantaggioso per i datori di lavoro stabilire benefit e premi anche alle dipendenti part-time, nonché offrire loro possibilità di carriera attraverso la formazione e la promozione.

 

Che ne pensate Mamme, qual’è stata la vostra scelta, e come avete vissuto il vostro ritorno al lavoro?