Dopo i mesi di freddo, finalmente, la natura si rianima e con essa ecco che arriva Pasqua celebrata con golosi rituali che coinvolgono sempre gli stessi ingredienti uova, agnello, capretto e primizie dell’orto.

Essendoci già occupati delle uova di Pasqua, oggi dedichiamo la nostra attenzione all’agnello che è, dai tempi più antichi, la vittima sacrificale per eccellenza da offrire alle divinità per ingraziarsele. Per i cristiani invece si è trasformato nel simbolo stesso del corpo di Gesù crocifisso, e la tradizione di mangiarlo proverrebbe dalla cultura ebraica. Mentre altre fonti vogliono che il mangiare carne d’agnello fosse entrato nell’abitudine di festa come simbolo di purezza, di uscita dalla penitenza e dal digiuno quaresimale.

Ma l’agnello, oltre ad essere uno dei simboli della Pasqua, è anche una tra le carni meno allergizzanti e più digeribili e quindi perfetto per l’alimentazione dei bambini. Infatti oggi, non voglio proporre i soliti arrosti o costine fatti in tutte le salse, ma voglio dedicare la mia e la vostra attenzione ad alcune ricette per i più piccoli da servire comunque durante la sontuosa tavola pasquale.

Per cominciare proporrei un risottino

Ingredienti:
40 g di riso;
50 g di carne magra di agnello;
1 piccolo pomodoro maturo;
1 pezzetto di carota e uno di sedano;
un po’ di cipolla;
brodo di carne o vegetale;
formaggio grattugiato;
olio extravergine di oliva;
sale

Preparazione:
Tritate
finemente la carne magra dell’agnello. Preparate un trito grossolano di cipolla, sedano, carota e soffriggeteli in una casseruolina antiaderente con un cucchiaino d’olio.
Unite la carne trita e il pomodoro maturo, pelato, privato di semi e tagliato a pezzi. Lasciate insaporire, salate leggermente e aggiungete il riso.
Coprite di brodo caldo e lasciate cuocere, rimestando spesso ed, eventualmente, aggiungendo altro brodo. Mantecate con un filo d’olio extravergine e servite il riso cosparso di formaggio grattugiato.

Per continuare polpettine di agnello aromatiche

Ingredienti:
400 g di polpa d’agnello macinata;
100 g di mollica di pane;
latte;
1 uovo;
trito aromatico (menta, maggiorana)
farina;
olio extravergine d’oliva;
sale.

Preparazione:
Bagnate la mollica di pane nel latte e amalgamatela insieme all’uovo, alla carne macinata e ad un pizzico di sale.
Formate delle polpettine con il composto ottenuto e passatele velocemente nella farina.
Cuocetele a fuoco vivo, dentro una capace padella, in un velo d’olio caldo, cospargendole durante la cottura con abbondante trito aromatico; saranno pronte e ben colorite in circa 12 minuti.

Ed infine, una ricetta per tutta la famiglia, agnello ai carciofi


Ingredienti per 4 persone:
16 costolette di agnello
4 carciofi
trito aromatico (timo, salvia, rosmarino)
estratto di carne;
farina bianca;
limone;
brandy;
olio d’oliva;
brodo;
sale;

Preparazione:
Mondate i carciofi, scartando le spine e l’eventuale barba. Tagliate i soli fondi a spicchi e metteteli da parte, a bagno in acqua e limone.
Fate lessare le foglie di carciofo in acqua bollente salata per una decina di minuti, quindi passatele al passaverdura.
Ripulite dal grasso le costolette d’agnello mettendone a nudo l’osso, e passatele velocemente nella farina bianca.
Fatele rosolare con  cucchiaiate d’olio aromatizzato e un pizzico di trito aromatico; irroratele con mezzo bicchierino di brandy, fiammeggiate, salate leggermente e insaporite il tutto con una puntina di estratto di carne.
Togliete la carne e al suo posto fate insaporire il passato di carciofo, allungato con poco brodo.
Servite le costolette con la salsina e i fondi di carciofo rosolati in padella a fiamma viva, con un cucchiaio di olio.

Immagini:
aaaaccademiaaffamatiaffannati.blogspot.com
nonsoloprimi.myblog.it
filidifollia.blogspot.com
ricette.it.msn.com