Dopo avervi parlato delle ricette semplici, colorate e gustose dei primi mesi dello svezzamento da oggi provo a parlarvi nello specifico di quegli alimenti che dovrebbero essere presenti nell’alimentazione dei nostri piccoli. E quale alimento scegliere per cominciare se non lei: la Mela!

Profumata, croccante e gradita ai bambini per il suo sapore dolce, è considerata da sempre “il frutto della salute”. L’omogeneizzato di mela è tra i primi che si possono somministrare, già dal 4° mese. Anche il succo risulta molto gradito ai piccoli e può integrare da subito la loro alimentazione, purchè scelto nelle versioni per la prima infanzia. Il frutto fresco può essere proposto grattugiato dal 6°-7° mese.

Le sue virtù derivano soprattutto dal contenuto di vitamine del gruppo B e di acidi organici. La vitamina B1, infatti, aiuta a combattere la stanchezza, l’irritabilità e l’inappetenza, mentre la vitamina B2 fa della mela un frutto protettivo delle mucose intestinali e della bocca, dei capelli e delle unghie. Mentre gli acidi organici facilitano i processi digestivi e aiutano a mantenere il giusto grado di acidità nell’organismo. Nei confronti dell’intestino, la mela ha un doppio ruolo: se la si mangi cruda aiuta a combattere la dissenteria , mentre, all’opposto, è molto efficace contro la stipsi dopo la cottura, che esalta l’azione della fibra, in particolare di quella chiamata pectina.

Di mele ne esistono oltre 2000 varietà ma tutte, nonostante i diversi colori hanno la buccia più o meno liscia. Quando si acquistano le mele, è importante controllare che i frutti non siano ammaccati né presentino parti molli. La buccia, poi, non deve presentare i segni tipici della “ticchiolatura”, la malattia parassitaria che si manifesta con macchie scure, anche piuttosto grandi. Il picciolo dovrebbe essere ben saldo, mentre un profumo pieno e gradevole indica una giusta maturazione. Al taglio, la polpa non deve mostrare macchie brune, che indicano danni da gelo.

Le mele si conservano bene e a lungo in frigorifero, se si raggrinziscono un pochino è solo a causa della perdita di umidità ma sono buone lo stesso. Le mele crude possono essere servite a fine pasto ma anche come contorno, accostate a carne di maiale o a selvaggina, e sono gradevoli anche in insalata. Cotte sono ingredienti di torte e mousse, ma sono deliziose anche passate al forno, private del torsolo, farcite con poco butto e zucchero e adagiate in una pirofila.

Ora passiamo a qualche sfiziosa ricetta per il palato dei nostri cuccioli e perché no…anche per il nostro!

Merendina di mele e biscottini

Dosi per una merendina:
mezza mela golden;
3 biscottini per l’infanzia;
un’arancia;
un albume (per la presenza dell’albume sarebbe ideale dai 2 anni in su)
zucchero a velo

Frullate la mela (sbucciata, privata del torsolo e tagliata a tocchetti), insieme con il succo di mezza arancia, i 3 biscottini ridotti a pezzetti e un cucchiaino di zucchero a velo.
Aggiungete al composto l’albume che avrete precedentemente montato a neve molto ferma, amalgamandolo delicatamente con un movimento circolare dall’alto in basso.
Accomodate la mousse in una coppetta.

Mele al forno con frutta secca

Dosi per 4 persone
4 mele Renette
20 g. di biscotti secchi;
50 g. di frutta secca mista;
20 g. di zucchero;
50 ml di marsala
pasta brisèe per decorare;
4 cucchiai di marmellata di arance

Accendente il forno a 180°.
Tritate grossolanamente la frutta secca, poi mescolatela in una ciotola insieme ai biscotti sbriciolati, la marmellata e il marsala.
Lavate le mele, asciugatele, quindi togliete il torsolo con l’apposito strumento.
Appoggiate ogni mela su un pezzo di carta d’alluminio che la possa avvolgere completamente, riempite il buco lasciato dal torsolo con il ripieno, aggiungete un pezzo di stecca di cannella, impacchettate con la carta d’alluminio, trasferite i cartocci su una teglia e infornate per 15 minuti. Ricavate delle striscioline di pasta brisèe con la rotellina dentata prima di togliere le mele dal forno.
Estraete i cartocci dal forno, apriteli, togliete la cannella e avvolgete le mele a spirale con le strisce di pasta brisèe.
Spolverizzate con lo zucchero e infornate per altri 10 minuti. Lasciate intiepidire e portate in tavola.

Fusi di pollo alle mele

Dosi per 4 persone:
8 fusi di pollo;
3 mele golden;
2 scalogni;
20 g. di farina;
125 ml di vino bianco secco;
1 melagrana (potete anche farne a meno);
1 limone;
rosmarino;
olio extravergine di oliva;
sale e pepe.

Lavate i fusi di polli, asciugateli, quindi salateli e infarinateli. Mondate gli scalogni e tritateli molto sottili. In una grande padella riscaldate due cucchiai di olio e, non appena caldo, mettete a stufare gli scalogni tritati.
Unite, quindi, i fusi di pollo e fateli colorire su entrambi i lati. Nel frattempo, pelate due mele e tagliatele a dadini.
Versate il vino bianco nella padella, alzate la fiamma e attendete che l’alcol sia evaporato; poi aggiungete i pezzettini di mela, un rametto di rosmarino, abbassate la fiamma, incoperchiate e portate a cottura in 30 minuti (aggiungete qualche cucchiaio di acqua se necessario). Quando il pollo è quasi cotto, pelate l’ultima mela, togliete il torsolo, tagliatela a dadini piccoli e raccoglietela in una ciotolina.
Sgranate la melagrana, spremete il limone e con il succo filtrato bagnate la mela in modo da non farla annerire; aggiungete la melagrana.
Servite i fusi di pollo con la loro salsa, l’insalatina di mela cruda e una spolverata di pepe.

Immagine:
pomonaitaliana.it