Decidere di avere un figlio può essere motivo di discussione per una coppia anche grave , soprattutto quando uno dei due non è d’accordo e non è pronto ad diventare genitore. Spesso la paternità per l’uomo è motivo di ansia e preoccupazione. In primo luogo il rifiuto di avere un bambino può essere legato al timore di perdere libertà ed autonomia, il proprio spazio seriamente  limitato e condizionato. I racconti degli amici, già papà, che descrivono notti insonni e pianti inconsolabili non aiutano ,descrivendo una realtà incompleta.

L’arrivo di un figlio è vero cambia la vita, cambiano i nostri tempi, orari ed agende modificati in virtù di nuove esigenze. Ci si alza invece presto per accompagnare il piccolo a scuola e si sta svegli la notte quando è malato. Molti  temono poi di non essere all’altezza e diventano ansiosi all’idea di fallire nell’educazione dei propri figli. È frequente inoltre che fuggano dalla “condizione” di paternità perché hanno un lato infantile ancora molto sviluppato decisamente inadeguato al nuovo ruolo.

Un errore frequente è pensare che in una coppia in crisi l’arrivo di un figlio risolva,o rinsaldi un rapporto. Per contro una nuova responsabilità ed un futuro impegno può complicare le cose. Il desiderio di un figlio prescinde da motivazioni egoistiche e secondi fini ed questa consapevolezza il punto di partenza per il giusto ruolo di mamma e papà.

E allora come dissipare dubbi ed incertezze?

Non insistere e avere pazienza: probabilmente  il suo “no” non è definitivo. Spesso è necessario un po’ più di tempo: non per tutti è immediato e fisiologico prepararsi a cambiamenti importanti e comunque di grande impegno per accogliere una nuova vita.

Se il vostro compagno teme di non essere all’altezza del ruolo paterno, sdrammatizzate e ridimensionate: accanto ad nuovo papà c’è una nuova mamma si cresce insieme.

Se il rifiuto è legato alla paura di perdere la propria libertà, a volte possono bastare delle semplici rassicurazioni: l’arrivo di un bambino non trasformerà la vita di tutti i giorni in una prigione ma in un mondo nuovo dove nessun nuovo papà approdato vuole più tornare indietro!

Immagini:
riza.it
padovanews.it
medialibero.it