vittime di abusi ritratti con la frase pronunciata dagli stupratori