L’idea di una vacanza attrae molto, soprattutto in questo periodo dell’anno anche perché questa potrebbe essere “l’ultima occasione” di trascorrere un po’ di tempo in due. La maggior parte delle donne si sente meglio nelle fasi intermedie della gravidanza, quando nausee e stanchezza sono meno frequenti. Ma è possibile viaggiare durante la gravidanza? Molto spesso ci si fa prendere da paure e si tende a scegliere brevi tragitti o addirittura restare a casa. Ma vediamo insieme come comportarsi durante un viaggio e quali precauzioni prendere!

Se state pensando ad un viaggio in macchina potete anche pensare di guidare voi, magari dando il cambio al partner se il viaggio dovesse essere lungo, ma attenzione pensate a concedervi una pausa ogni due ore in modo anche da poter fare due passi. La cintura di sicurezza può sembrare più scomoda, ma è importante indossarla. Assicurati che la cinghia diagonale attraversi il torace e che quella inferiore passi attraverso la parte inferiore dei fianchi, piatta sulle cosce e non sul pancione.

Se la distanza è tanta e state pensando di fare un viaggio in aereo sappiate che la maggior parte delle linee aeree non ammette a bordo donne oltre la 34^ settimana di gravidanza dunque sarà bene accertarsene prima di prenotare il volo. Se si soffre di ipertensione o c’è il rischio di un parto prematuro è meglio prima consultare il medico. E’ poco saggio anche volare in velivoli non pressurizzati, perché ciò potrebbe ridurre significativamente la disponibilità di ossigeno per mamma e bambino.

Le donne incinte di solito sono più a rischio di trombosi venosa profonda. Dunque in caso di viaggi lunghi è meglio alzarsi e fare due passi ogni due ore circa. Si possono indossare calze contenitive che diminuiscono il rischio di trombosi. Bere molto è importante per prevenire la disidratazione e sarà bene portarsi un paio di pantofole perché i piedi tendono a gonfiarsi. Mentre se soffrite di nausee meglio chiedere un posto in corrispondenza delle ali, poiché in questa posizione si sentono meno scossoni.

Se invece siete solite soffrire di mal di viaggio allora alcuni farmaci antinausea potrebbero aiutarvi ma dovete prima rivolgervi assolutamente al medico. Se invece volete evitarli potrete ricorre ai “braccialetti” che agiscono su un punto dell’agopuntura per ridurre la nausea. Dunque se state pensando ad una vacanza con il partner è bene sempre ricordare di portare con sé una copia degli esami eseguiti fino a quel momento… per non farsi trovare impreparate… 😉

Buone vacanze!

Immagini:
arturotv.tv
gravidanzaonline.it
coop.ch