Mamme in Parlamento: la rivoluzione digitale per un nuovo welfare

Mamme_in_parlamento

La rivoluzione digitale italiana ha trovato nelle mamme un esercito pronto a combattere – con mezzi e modalità innovative – per l’affermazione dei diritti e delle tutele per la famiglia.

Un nuovo femminismo che non ama le quote rosa ma riconosce alla condivisione – share economy – la capacità di fare rete.

Perché tra i tanti luoghi comuni che le mamme stanno smontando a colpi di relazioni e complicità c’è quello che le donne non sanno fare squadra.

mamme in parlamento

Un cambiamento epocale

Una rivoluzione silenziosa ma efficace – come il lavoro di ogni mamma – a cui per la prima volta martedì 6 giugno è stata data voce anche a livello istituzionale con il convegno “Mamme in Parlamento”.

Una giornata che ha rappresentato un momento di confronto tra il mondo della politica e quello delle mamme promossa da Fattore Mamma e Italian Digital Revolution.

Mamme in parlamento

Mamme e digitale

Le mamme non hanno paura del digitale. Lo utilizzano quotidianamente. Semplifica le loro vite. Costituisce il prezioso e imprescindibile alleato con cui costruire un Paese a misura di famiglia.

Una relazione positiva cominciata negli anni cinquanta con gli elettrodomestici dedicati a semplificare i lavori di casa e che oggi prosegue con gli smartphone.

Mamme in Parlamento

La ricerca

Come ha dimostrato lo studio condotto da Fattore Mamma e 2B Research su oltre 1.500 donne sono proprio le mamme la categoria della popolazione italiana con il maggiore tasso di digitalizzazione.

Infatti, oltre il 98% delle donne italiane possiede ed utilizza uno smartphone.

Il 73% delle mamme usa la tecnologia per la gestione dell’organizzazione quotidiana. Il 51% ritiene lo smartphone “indispensabile per la propria vita sociale”. Il 46% lo usa come strumento principale per gli acquisti online e il 43% lo considera addirittura la “propria memoria”.

Sul web le mamme danno vita inoltre a “una sorta di coscienza collettiva di rete” grazie alla condivisione delle loro esperienze. Un mezzo per aprirsi al mondo. Per non isolarsi. Per fare comunità.

Mamme in parlamento

La realtà

Come evidenziano i dati Istat però queste mamme all’avanguardia sul fronte tecnologico sono ancora confinate in ruoli di genere tradizionali che risultano sempre più stretti.

Il 74% del lavoro domestico viene svolto esclusivamente dalle mamme.

Così come lavare e stirare i vestiti (94%). Nonché pulire casa, cucinare e lavare i piatti (77%).

Mamme in parlamento

La parità

Al convegno hanno partecipato donne di ogni estrazione sociale, che si sono confrontate con numerosi esponenti parlamentari. Tutte le donne sono state unanimi nel denunciare la difficoltà a conciliare vita lavorativa e familiare.

I problemi legati ai congedi di maternità. Le tutele legislative. Gli orari scolastici. L’assenza e le rette degli asili nido.

Ed inoltre la mancanza di un contatto diretto con le istituzioni per quanto riguarda l’informazione. In particolare quella sanitaria. Oggi grazie ad internet cittadini ed istituzioni possono dialogare. Questo ancora non avviene.

Mamme in parlamento

Mamme in parlamento

Una piattaforma di dialogo

Con l’incontro avvenuto martedì alla Camera dei Deputati, le mamme hanno portato le loro istanze, le loro necessità e il loro punto di vista davanti alle istituzioni, alla presenza di deputate, mamme anch’esse.

Ne è emerso che c’è una nuova generazione di mamme digitali che ha capito che l’unico modo per far crescere questo paese è renderlo a misura di mamma.

Lasciando alle donne la possibilità di scegliere e vivere la propria maternità e le proprie aspirazioni. Un paese può dirsi moderno anche e soprattutto quando le donne possono scegliere di essere madri. 

Mamme in parlamento

Mamme in parlamento

Accommodation Partner

Tra i tanti servizi di cui hanno bisogno mamme e bambini ci sono le strutture per poter andare in vacanza. Spazi a misura di famiglia. A prezzi accessibili e garantiti.

Il portale HomeAway presenta una selezione di case vacanza in tutto il mondo. E in occasione del convegno “Mamme in Parlamento” ha offerto una sistemazione alle partecipanti di FattoreMamma in una casa meravigliosa. Guardate la gallery sulla nostra pagina Facebook.

L’unico inconveniente che abbiamo avuto: non saremmo più volute tornare a casa.

Arrivederci Roma e grazie HomeAway!

Mamme in parlamento

Sponsor

Ringraziamo:

  • EasyCoop il primo servizio di spesa a domicilio attivo su Roma (anche con i prodotti freschi e surgelati);
  • Qwant il motore di ricerca che rispetta la tua privacy;
  • Hoepli

senza la loro collaborazione la voce delle mamme sarebbe stata meno forte.

 

Articoli consigliati

Scrivi un commento

I dati che ti chiediamo di inserire nel form ci servono per identificarti e poter rispondere al tuo messaggio. Compilando i dati e inviando il form, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali che verranno trattati in modo conforme a quanto definisce il Regolamento UE 2016/679. Trovi l’indicazione del Titolare del trattamento e l’informativa completa a questo indirizzo: www.blogmamma.it/policy-sui-cookies/