Come scegliere padrino e madrina del battesimo

battesimo bambina padrino e madrina

Il vostro bimbo riceverà il Battesimo, state preparando tutto e dovete pensare ai padrini. Come scegliere padrino e madrina del battesimo? Trattandosi di una cerimonia religiosa, con un grande significato di fede, il ruolo di padrino e madrina non è da sottovalutare. Come orientarsi? Ci sono delle regole a livello religioso? Cosa è meglio per i nostri bimbi?

Oggi vediamo di fare un po’ di chiarezza, cercando di darvi delle indicazioni su come orientarvi nella scelta.

LEGGI ANCHE: cosa regalare a padrino e madrina del battesimo

Come scegliere padrino e madrina del battesimo? I nostri suggerimenti

Per capire come scegliere padrino e madrina partiamo da cosa è il battesimo. Il battesimo è il sacramento attraverso il quale si è liberati dal peccato originale e si è rigenerati come figli di Dio. È il sacramento della rinascita a vita nuova, il più importante per la vita di un cristiano. Ecco perchè la scelta di padrino e madrina non può essere fatta a caso, perchè spetta a loro sostenere i genitori nell’educazione alla fede del bambino.

Secondo il Catechismo della Chiesa cattolica, infatti, padrino e madrina devono essere «credenti solidi, capaci e pronti a sostenere nel cammino della vita cristiana il neo-battezzato, bambino o adulto. Il loro compito è una vera funzione ecclesiale (officium)».

Ci sono delle regole da tenere presenti per la scelta?

Vediamo cosa dice il diritto canonico riguardo a questa scelta

  • si possono scegliere un solo padrino, una sola madrina o entrambi e non possono esserlo i genitori
  • padrino e madrina devono aver compiuto i sedici anni, a meno che il parroco ammetta per una giusta causa l’eccezione
  •  devono essere cattolici, aver già ricevuto la confermazione (la Cresima) e il sacramento dell’Eucaristia, e devono condurre una vita conforme alla fede e all’incarico che si assumono
  •  devono essere in regola con il diritto canonico

Come scegliere, quindi, padrino e madrina?

Non pensate solo all’affetto che vi lega alle persone o alla “convenienza”. Individuate tra i vostri conoscenti qualcuno che abbia queste caratteristiche, che viva una fede vera, che non sia troppo anziano da non poter riuscire ad accompagnare il proprio figlioccio nella crescita, che sia legato a voi da un rapporto stretto di amicizia o di parentela, che non abiti troppo lontano in modo tale da riuscire a frequentarvi. Queste sono le indicazioni da tenere presente per capire a chi proporre questo importante ruolo, voi come avete scelto?

 

 

Scrivi un commento

I dati che ti chiediamo di inserire nel form ci servono per identificarti e poter rispondere al tuo messaggio. Compilando i dati e inviando il form, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali che verranno trattati in modo conforme a quanto definisce il Regolamento UE 2016/679. Trovi l’indicazione del Titolare del trattamento e l’informativa completa a questo indirizzo: www.blogmamma.it/policy-sui-cookies/