Gli “oggetti rassicuranti” per la nanna dei bambini

Incoraggiare il bambino a sviluppare un attacamento a un oggetto speciale, ad esempio un orsacchiotto o una coperta è quello che viene chiamato “oggetto rassicurante” che aiuta il bambino ad addormentarsi e che non richieda la vostra presenza. L’oggetto, infatti, diventa un sostituto simbolico dei genitori e dà tranquillità al piccolo quando, la sera, è solo in camera sua. In più, il bambino apprezzerà il fatto che l’orsacchiotto dopo un po’ non si alza e se ne va via, come invece fa il genitore.

Vi dà fastidio vedere vostro figlio che si trascina dietro una coperta lisa o un orsacchiotto spelacchiato? Lasciatelo fare! Alcuni genitori temono che il bisogno dell’orsacchiotto sia un indice di insicurezza, ma le ricerche mostrano che non è vero. In realtà, quando il bambino lotta per lasciare le vostre braccia protettive e calmare le proprie paure, affidarsi a un oggetto rassicurante è un modo “emotivamente maturo” per avvicinarsi all’indipendenza.

Potete offrirgli molti tipi di oggetti rassicuranti, ma dovete lasciare che sia lui a scegliere il suo preferito. Vediamo insieme quali sono gli oggetti che potrebbero dare rassicurazione ai bambini.

Ciuccio
In molti bambini il bisogno di succhiare non viene completamente soddisfatto con l’allattamento: il succhiotto può fare al caso loro. Ma attenzione! Se si perde tra le coperte o cade per terra, il bambino può mettersi a strillare perché glielo riprendiate.

Pollice
Il vantaggio di succhiarsi il pollice è che il pollice non si rovina e non si perde. Lo svantaggio è che se il bambino non smette prima di iniziare la scuola, quest’abitudine può causargli grande imbarazzo e angoscia, oltre a qualche problema ortodontico.

Coperta
E’ un oggetto tranquillizzante molto diffuso e può essere bello o semplice come la copertina da neonato in cui avete avvolto il vostro bambino in ospedale. Al neonato può anche piacere il panno che vi siete messi sulla spalla per fargli fare il ruttino, se non è sporco, perché contiene il suo odore e il vostro. (Attenzione però, non date stoffe di pizzo ai bambini sotto i due anni: c’è rischio di soffocamento).

Animale di stoffa
Alcuni bambini amano il tradizionale orsacchiotto, altri preferiscono animali più originali. Accertatevi che tutti i bottoni siano ben cuciti e che non ci siano parti di piccole dimensioni, che potrebbero essere strappate o staccate.

Rumori
Un rumore sommesso e continuo, come il ronzio di un ventilatore per esempio, può fare da calmante. A certi bambini piace il rumore dell’aspirapolvere o quello dell’automobile; registrateli su una cassetta, in modo da non dover pulire i tappeti o andare a fare un giro in macchina tutte le volte che il piccolo deve fare la nanna.

Movimenti ritmici
Le ricerche mostrano che circa due terzi dei bambini di nove mesi mostrano regolarmente qualche movimento corporeo ritmico, oscillare con la testa, con il corpo, carezzarsi i capelli, battere la testa, mentre si addormentano o passano da una fase del sonno all’altra. La maggior parte di loro smette verso i quattro anni e di solito i genitori non hanno motivo di preoccuparsi, se non per quelli che battono la testa. E’ raro che si facciano male ma, se dovesse accadere, fategli indossare un cappellino imbottito e foderate il lettino con i cuscinetti paracolpi.

E i vostri bambini quale oggetto hanno scelto per addormentarsi?

[nggallery id=113]

Immagini:
blog.libero.it
tipsntricks.i.ph
cozysleepbedding.com

Postato in: Nanna

Scrivi un commento

I dati che ti chiediamo di inserire nel form ci servono per identificarti e poter rispondere al tuo messaggio. Compilando i dati e inviando il form, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali che verranno trattati in modo conforme a quanto definisce il Regolamento UE 2016/679. Trovi l’indicazione del Titolare del trattamento e l’informativa completa a questo indirizzo: www.blogmamma.it/policy-sui-cookies/