Sonno bambini: cose da fare e da non fare

Tutti gli specialisti sono d’accordo che per risolvere i disturbi del sonno del bambino è indispensabile, prima di ogni altra cosa, eliminare alcune abitudini errate che noi genitori diamo e che riguardano soprattutto il momento dell’addormentamento. Dunque vediamo insieme quali sono le cose da fare e da non fare per accompagnare i nostri bambini verso un sonno sereno.

Cosa non fare

  • Farlo addormentare in braccio;
  • Aiutarlo ad addormentarsi facendogli stringere i capelli, la mano o qualsiasi altra cosa preveda un contatto fisico con la madre o con il padre;
  • Farlo addormentare in posti diversi dal suo letto (per esempio, in passeggino o sul divano);
  • Farlo addormentare nel lettone per poi portarlo, una volta addormentato, nel suo lettino;
  • Fare un tragitto in auto per farlo addormentare;
  • Porgergli bevande zuccherine per farlo addormentare o per favorire l’addormentamento dopo un risveglio notturno;
  • Allattarlo o dargli il biberon mentre si sta addormentando;
  • Farlo stancare molto di sera, sperando che in questo modo si addormenti prima e più agevolmente.

Mentre ecco le cose da fare, una serie di regole che se si riesce ad osservare le probabilità di che il vostro bambino riesca a trascorrere e farvi trascorrere notti serene sono davvero molto alte.

  • Programmate la notte del bambino come tempo da dedicare esclusivamente al sonno. Di notte non si gioca, non si ride, non si passeggia per la casa. Queste attività vanno svolte di giorno.
  • Aiutate il bambino ad associare il letto con il sonno: deve dormire sempre nello stesso luogo e sempre nel suo letto.
  • Non “aiutate il bambino ad addormentarsi” in nessun modo.
  • Allontanatevi dalla stanza quando è ancora sveglio.
  • Mantenete costanti l’orario di addormentamento e quello del risveglio mattutino.
  • Non mettetelo a letto semidigiuno.
  • Non dategli da mangiare troppo all’ora di cena.
  • Eliminate drasticamente le bevande che contengono caffeina e teofillina.
  • Eliminate i giochi che girano sopra il lettino e i carillon, perché potrebbero creare uno stato di eccitazione.
  • Impedite che corra e salti troppo nelle due ore che precedono il momento di andare a letto.
  • Fategli il bagno solo se osservate che ha un effetto rilassante altrimenti escludetelo dalla routine.
  • Quando il bambino piange, andate nella sua camera, ma non riempitelo di attenzioni, non accendete la luce centrale, non parlate ad alta voce.
  • Cercate di eliminare i sonnellini dopo le cinque del pomeriggio.

Siete concordi? Quale di questi comportamenti adottate con i vostri bambini?

[nggallery id=132]

Immagini:
babypregnancyguide.com
newbornbabyzone.com
healthylivingover40.blogspot.com

Postato in: Nanna

Scrivi un commento

I dati che ti chiediamo di inserire nel form ci servono per identificarti e poter rispondere al tuo messaggio. Compilando i dati e inviando il form, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali che verranno trattati in modo conforme a quanto definisce il Regolamento UE 2016/679. Trovi l’indicazione del Titolare del trattamento e l’informativa completa a questo indirizzo: www.blogmamma.it/policy-sui-cookies/