“Paint your day 4 teens”, intervista a Barbara Gulienetti

ADV

Paint your day 4 teens

Per chi non conosce Barbara Gulienetti ecco una sua breve presentazione: volto di Real Time, a renderla nota e amata è stato soprattutto il programma cult Paint your life, da cui sono successivamente nati i due “spin off” Paint on the road e Paint your day. Per chi invece già la conosce sarà un piacere scoprire che dal 2 di dicembre è entrata nel mondo di Frisbee (Canale 44 del digitale terrestre free, Sky canale 627) per condurre il programma PAINT YOUR DAY 4 TEENS, dal lunedì al venerdì dalle ore 18.50, sabato e domenica alle ore 15.20. Per scoprire qualche dettaglio in più su questa trasmissione, abbiamo parlato direttamente con Barbara…

Barbara, qual è il target a cui si rivolge il programma?
Paint Your Day 4 Teens, come dice il titolo stesso, si rivolge a ragazzine pre-adolescenti e teenager. Nel programma ne sono state coinvolte quattro, a cui io dimostro – nel corso delle puntate – come si può fare da sè e decorare un oggetto. In pratica, una volta osservato da me il processo di creazione, loro si mettono all’opera per produrre la loro opera.

Chi sono le quattro ragazzine che ti affiancano in Paint Your Day 4 Teens?
Sono state selezionate mediante un casting e devo dire che sono davvero molto particolari e diverse fra loro. C’è Minerva (11 anni), un nome e un programma, molto rock, tutta teschi e nero; c’è Giorgia la sportiva, che davvero pensa solo allo sport (10 anni); c’è Artemisia (10 anni), molto romantica, tanto da sembrare a volte un pirata; infina c’è Maila (12 anni), la classica teenager glam. Di volta in volta una di loro mi affiancherà nel ruolo di “assistente”, nel corso dei 20 episodi da mezz’ora prodotti da Magnolia per Discovery Italia

In che attività vengono coinvolte?
In attività decorative come la personalizzazione di un mobile, l’abbellimento di un oggetto che vorrebbero veder rinnovato e la creazione di un bijoux. Per fare qualche esempio: abbiamo realizzato degli occhiali e una shopper utilizzando dei bottoni, abbiamo trasformato una cassetta per la frutta in un portascarpe, ho iniziato io a creare dei braccialetti e loro li hanno portati a termine come volevano…

Quale messaggio volete dare ai genitori con questo porgramma?
Vogliamo dimostrare loro che i ragazzini riescono a fare molto di più di quello che pensano gli adulti! Spesso sono i genitori che frenano i bambini nella loro creatività. Il mio consiglio è, al contrario, di lasciarli fare! Mia figlia ha voluto che la parete della sua cameretta diventasse come il mantello pezzato di una mucca: io ho lasciato che facesse, che si esprimesse. Certo, se si vogliono limitare i danni in casa, qualche regola deve essere data ai bambini. Per esempio in casa mia se si vuole dipingere deve essere sempre utilizzata una vecchia tenda da doccia come telo protettivo delle superfici. I genitori in quei momenti devono essere presenze discrete, “a portata di orecchio” e intervenire eventualmente per dare una mano.

Articoli consigliati

Scrivi un commento