Per tutta la durata della gravidanza, il bambino è immerso in un’acqua speciale chiamata liquido amniotico, da cui è protetto e nutrito. A volte, però, succede che il liquido amniotico si modifichi, aumentando o diminuendo troppo: è in questo caso che si parla di patologie del liquido amniotico, polidramnios se è troppo,oligoidramnios se è troppo poco.

Per tutta la durata della gravidanza, il bambino è immerso in un’acqua speciale chiamata liquido amniotico, da cui è protetto e nutrito. A volte, però, succede che il liquido amniotico s modifichii, aumentando o diminuendo troppo: è in questo caso che si parla di patologie del liquido amniotico, polidramnios se è troppooligoidramnios se è troppo poco.

Oligoidramnios, cos’è?

Il livello di liquido amniotico varia nei 9 mesi, aumentando fino al sesto, ma poi via via diminuendo in modo fisiologico per lasciare posto al bambino, che nel frattempo aumenta considerevolmente di dimensioni. Si parla allora di oligoidramnios se la quantità di liquido amniotico scende, in modo patologico. La diagnosi viene fatta dal ginecologo tramite l’ecografia, il dubbio di oligoidramnios può nascere in quelle donne che non hanno una crescita armoniosa dell’addome o che rimane di piccole dimensioni. Bisogna, comunque, prima di allamarsi, valutare la fisicità della donna.

Cosa fa diminuire il liquido amniotico?

Cosa fa diminuire il liquido amniotico? Le ragioni sono diverse e di diversa gravità. Questo fenomeno può succedere, infatti, perché si assumono pochi liquidi, perché la futura mamma è soggetta a uno stress troppo intenso o ancora perché la crescita del feto è scarsa e lenta o a causa di una patologia fetale.

Più preoccupante invece quando la quantità di liquido amniotico è davvero troppo scarsa, addirittura arrivando a scomparire (anidramnios): queste situazioni possono indicare grave ritardo della crescita del bambino o essere sintomo di malformazioni, di patologie o di sindromi a carico del nascituro.

Cosa rischia il bambino?

Una delle funzioni del liquido amniotico è quella di proteggere il bambino dagli urti e nutrirlo garantendone uno sviluppo adeguato, quindi in caso di oligoidramnios il bambino rischia malformazioni, ritardi di crescita e ritardi sulla maturazione degli organi, deformazioni e difetti posturali. E’ una patologia da non sottovalutare e deve essere monitorata dal ginecologo.