Scarpine all’uncinetto: i video e gli schemi

ADV

Le scarpine per i neonati realizzate all’uncinetto piacciono ancora di più che le classiche a maglia, quelle che molte di noi ancora hanno come ricordo della loro infanzia. L’uncinetto, tornato di gran moda tra le mamme, permette di realizzare scarpine di ogni foggia, adatte ad ogni stagione.

Provando a fare una ricerca su Pinterest, ad esempio, possiamo trovare modelli di ballerine, sandali, infradito, persino delle bellissime espadrillas. Come realizzare queste scarpine?

Anche in questo caso la rete ci viene in aiuto. Esistono infatti alcuni siti attraverso i quali potete acquistare (in inglese) lo schema dettagliato di molte scarpine.  Se siete abbastanza ferrate con l’uncinetto e con l’inglese, non avrete problemi a provare.

Un esempio? Su luulla.com potrete trovare in vendita gli schemi di queste e molte altre scarpine, realizzati da due sorelle dalle mani d’oro.

Anche su etsy.com troverete schemi da acquistare. Come quello per realizzare queste bellissime ballerine, che trovate qui.

Se invece avete bisogno di seguire il tutorial, cercando su youtube avrete solo l’imbarazzo della scelta. Comincio a segnalarvi questo video in italiano. Piuttosto lungo ma dettagliato:

Se conoscete bene anche l’inglese, provate a guardare anche questo. E’ diviso in due parti ed è piuttosto chiaro: è costituito da una sequenza di foto con testo di spiegazione. Ha il vantaggio di essere più schematico rispetto ai video in cui le protagoniste spesso si perdono in chiacchiere…

Ecco qualche aiuto in più per prendere in mano filo, uncinetto e tentare, che ne dite! Buon lavoro a tutte 🙂

1 Comment on "Scarpine all’uncinetto: i video e gli schemi"

Trackback | Commenti RSS Feed

  1. cristina scrive:

    Ciao!
    Su tuo suggerimento ho acquistato su luulla lo schema delle espadrillas (sono stupende!!), purtroppo però non è un vero e proprio schema (quello con i simboli per intenderci) ma è scritto giro per giro cosa bisogna fare. Nessun problema se non fosse che è in inglese 🙁 mi aspettavo un vero e proprio schema! 🙁

Scrivi un commento