Albero, regali, lucine, canzoni e film, la magia del Natale è tutto questo e molto di più. Il Natale è innanzitutto una festa religiosa, la festa della venuta al mondo del figlio di Dio. Se, facendo il presepe, volete raccontare ai vostri bimbi la nascita di Gesù, ecco come potreste farlo. Il racconto della nascita di Gesù è molto bello e si presta bene per essere narrato anche ai più piccoli, e a essere utilizzato nelle recite.

LEGGI ANCHE: costume da pastore per presepe vivente 

La nascita di Gesù raccontata ai bambini

Il Vangelo di Luca (Lc 2, 1-20) è già piuttosto semplice e facile da capire. Ai bimbi potreste leggere questo il brano del vangelo che racconta della venuta di Gesù Bambino.

Se invece volete provare a rendere ancora più semplice il racconto, ecco cosa potreste leggere.

A Nazareth in un villaggio della Palestina vivevano Giuseppe e Maria, un falegname e sua moglie. Maria aspettava un bambino e sapeva in cuor suo, perchè aveva ricevuto la visita di un angelo, che quel bimbo sarebbe stato speciale.  I due passavano le giornate tranquilli, aspettando con gioia l’arrivo del bimbo.

Poco prima della nascita del bimbo, Maria e Giuseppe dovettero lasciare Nazareth per affrontare un viaggio. Il re Erode voleva contare gli abitanti della Palestina e aveva stabilito che tutti avrebbero dovuto registrarsi nel luogo in cui erano nati. Giuseppe e Maria dovettero partire alla volta di Betlemme, paese da cui proveniva Giuseppe.

Il viaggio non era comodo. I due erano poveri e avevano un solo asino su cui viaggiare. Un passo alla volta, Maria e Giuseppe arrivarono a Betlemme, ma  giunti lì Maria si accorse che il piccolo stava per nascere.

Giuseppe cominciò quindi a bussare alle porte delle locande che c’erano a Betlemme, ma non riuscì a trovare nessun posto libero. “Provi a vedere più in là” gli disse il proprietario dell’ultima locanda alla qualche aveva bussato “Dovrebbe esserci una stalla, potreste rifugiarvi lì”.

Quando arrivarono alla stalla, Maria e Giuseppe erano davvero stanchi. Nella stalla abbandonata c’era ancora una mangiatoia con della paglia e un bue. Giuseppe prese la paglia e fece un letto per Maria, perchè potesse riposare.

In quella notte nacque Gesù, e Maria e Giuseppe, dopo averlo avvolto in fasce, lo misero nella mangiatoia perchè stesse al caldo. Il bue e l’asinello lo sorvegliavano e rendevano più calda la stalla. Maria e Giuseppe erano felici.

Nei pressi della stalla c’erano dei pastori che pascolavano le pecore. Un angelo andò da loro, annunciando la nascita di Gesù. “Non abbiate paura – disse- vi annuncio una grande gioia: oggi è nato colui che sarà il più grande di tutti i re.
Andate a festeggiarlo! Troverete un bambino avvolto in fasce, che dorme in una mangiatoia“.

nascita di Gesù racconto

I pastori si alzarono in piedi, presero qualche povero dono ed andarono verso la stalla. Riuscirono a capire quale fosse la direzione perchè in cielo comparve anche una stella luminosa, con una coda che puntava proprio verso la capanna dove si trovavano Maria Giuseppe e Gesù bambino.

Anche loro, come Giuseppe e Maria, sapevano che quel bambino era speciale, era il re dei re. Il figlio di Dio.